Perché è così importante il benessere organizzativo


Ormai diversi studi da anni hanno dimostrato che la motivazione, a parità di competenze fa la differenza: tutti quanti noi siamo d’accordo nel dire che persone anche non molto competenti purché motivate hanno delle performance migliori di persone estremamente competenti ma demotivate.

Ciò detto, anche di fronte a questa evidenza, manager ed imprenditori non fanno della motivazione delle proprie persone un punto chiave per l’eccellenza e per il successo della propria azienda: di conseguenza non fanno neanche caso al benessere dell’organizzazione.


Il benessere organizzativo

Quando si parla di benessere organizzativo ci si riferisce in genere a quelle condizioni presenti in un’organizzazione che promuovono, mantengono e migliorano il benessere fisico, psicologico e sociale delle persone per tutti i livelli e i ruoli.

Per capire cosa è il benessere organizzativo conviene tuttavia partire dalla definizione di benessere individuale che non è solo una dimensione fisica, come taluni credono,ma che è soprattutto una dimensione psicologica.


Misurare il benessere individuale

Il benessere individualeè la somma di una serie di componenti: le emozioni positive, che rendono soddisfacente la vita di una persona; l’impegno, inteso come coinvolgimento e concentrazione in ciò che si fa; il significato, ovvero l’idea di fare qualcosa che abbia un senso per se e per gli altri; l’eccellenza, ossia la possibilità di realizzarsi attraverso le proprie potenzialità e competenze; per ultimo, ma non ultime, le relazioni positivecon gli altri (capi, colleghi e collaboratori).

Si può riassumere il tutto dicendo che una persona prova benessere se trova un’armonia complessiva tra ciò che è, fa e prova in azienda.

Per trasposizione, il benessere di un’organizzazione, intesa come “soggetto” che riunisce un insieme di persone, è tanto più presente quanto più l’organizzazione riesce a dare un significato positivo a ciò che fa, utilizzando al meglio le proprie competenze, realizzandosi ed evolvendosi in un contesto di relazioni positive.


Benessere organizzativo, benessere individuale e cultura aziendale

Si può riassumere il tutto dicendo che il benessere organizzativo si sostanzia nella vision e mission aziendale, nei valori che l’azienda spinge e nei comportamenti che promuove: quanto più questi elementi culturali caratterizzano la vita aziendale dando un significato positivo a ciò che fa l’azienda, tanto più vi potrà essere benessere organizzativo.

So già (perché è capitato anche a me) che a questo punto del discorso ti starai chiedendo e forse dicendo: tutto vero, peccato che il benessere organizzativo e il benessere delle persone sono spesso in contrasto tra loro! Può capitare, ma non per questo non si può far nulla per superare questo contrasto.

Cosa fare è piuttosto semplice ma per poterlo fare bene bisogna dare un grande valore a ciò che spesso invece è trascurato, e cioè alla vision,alla missione ai valori aziendali.

Benessere organizzativo e benessere individuale non sono in contrasto tra loro se una persona sente di appartenere all'organizzazione, perché ne condivide la mission, i valori e le pratiche: in questo modo la motivazione viene da se, e sappiamo che più motivazione comporta più impegno e più impegno porta a più risultati. Questo è il vantaggio del benessere organizzativo.


Le leve per il benessere organizzativo.

Torniamo alla domanda che ci ha portato fin qui: “perché, il benessere organizzativo non è ancora considerato da molti manager ed imprenditori un fattore importante per il miglioramento delle performance aziendali?”.

Probabilmente è solo una questione di visioneedi consapevolezza: siamo abituati a ragionare con i numeri e come tecnici, pensiamo ancora che l’azienda funzioni come un meccanismo mentre invece è un organismo. Leve gestionali come il coinvolgimento e la delega, la fiducia e l’attenzione allo sviluppo del potenziale dei collaboratori non ci sono ancora propri: siamo ancora legati allo schema base del comando e controllo. Le leve per un benessere organizzativo costruito con e attraverso il benessere individuale esistono e sono molte: le pratiche del coaching umanisticoe della leadership positivaci offrono tutto ciò di cui abbiamo bisogno.


Se qualcuno pensa ancora che ci debba essere necessariamente contrasto tra benessere organizzativo e benessere individuale, non so cosa altro aggiungere.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

DevOps, NoOps, LEAN

[Pubblicato originalmente su "Il Caffè Digitale" Febbraio 2019] Cos'è esattamente il DevOps? Tre sono le dimensioni di fondo che possiamo individuare in questo concetto. La prima è l'automazione spint

ConnetBlog

Articoli, contenuti ed eventi del 

network Connet

 

ConNet

by WEPOWER SRL

Sede legale: Via Leone Tolstoi, 1

20146 - MILANO - Italia

PIVA: IT09462770968